Avvocato Simone Labonia - Cassazionista |    via F. Gaeta, 7 84129 - Salerno (SA) | C.f. LBNSMN73D01F839T | P. Iva 03438870655

Addebitata la separazione al marito violento anche se la moglie è infedele.

L’addebito della separazione comporta l’attribuzione formale della responsabilità della fine dell’unione a uno dei coniugi. Le conseguenze dell’addebito sono innanzitutto economiche, visto che il coniuge “colpevole” non potrà avere diritto ad alcun mantenimento, né potrà succedere all’altro nel caso di decesso. L’addebito consegue però soltanto a gravi condotte debitamente accertate in giudizio. Secondo il Tribunale della Spezia con la sentenza 179/21, i maltrattamenti contro la moglie sono idonei a giustificare l’addebito, anche se il coniuge maltrattato ha confessato il tradimento. Sebbene anche la violazione dell’obbligo di fedeltà costituisca motivo di addebito della separazione, in questo caso il giudice ha ritenuto molto più grave la violenza subita dalla donna, costituendo tale condotta una violazione talmente grave dei doveri nascenti dal matrimonio da esonerare il magistrato dal dovere di procedere alla comparazione col comportamento della donna.

Open chat

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi