Avvocato Simone Labonia - Cassazionista |    via F. Gaeta, 7 84129 - Salerno (SA) | C.f. LBNSMN73D01F839T | P. Iva 03438870655

“Adozione mite”: non necessariamente deve esservi una netta recisione di ogni legame con la famiglia d’origine.

Lo ha sancito la Suprema Corte di Cassazione con l’ordinanza 35840 del 22 novembre 2021, con la quale è stato accolto il ricorso di una madre che chiedeva di poter incontrare i figli, dati in affidamento, almeno una volta a settimana. I Supremi Giudici hanno accolto la domanda chiarendo che l’adozione mite, innanzitutto, trova il suo fondamento nell’art 44 lett. d della legge n. 184/1983 il quale dice che ” i minori possono essere adottati anche quando non ricorrono le condizioni di cui al comma 1 dell’art. 7 : quando vi sia la constata impossibilità di affidamento preadottivo”. Dunque hanno sancito che tale adozione mite deve essere disposta quando la famiglia d’origine non risulta essere totalmente negativa e perciò la migliore forma di accoglienza di un minore che si trovi in stato di abbandono non implica necessariamente una netta recisione di ogni legame con la famiglia d’origine.

Open chat

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi