Avvocato Simone Labonia - Cassazionista |    via F. Gaeta, 7 84129 - Salerno (SA) | C.f. LBNSMN73D01F839T | P. Iva 03438870655

Assegno di mantenimento: l’ex moglie può perdere il diritto all’assegno se l’obbligato va in pensione.

In sede di separazione, il giudice riconosce l’assegno di mantenimento al coniuge economicamente più debole ed eventualmente ai figli. La cifra dell’assegno di mantenimento può essere stabilita dalle stesse parti oppure, in mancanza di accordo, dal giudice. Naturalmente, se le condizioni economiche dell’obbligato peggiorano si dovrà provvedere alla diminuzione dell’importo dell’assegno.

Lo stabilisce la sesta sezione civile della Cassazione con l’ordinanza 12800/21 che ha accolto il ricorso di un uomo nei confronti della ex moglie. In Cassazione, il marito ha sostenuto che era stata accertata la mancanza dì un’apprezzabile sperequazione reddituale tra gli ex coniugi.

L’inidoneità dei mezzi dell’ex coniuge richiedente va accertata considerando che l’assegno va a garantire un livello reddituale parametrato alle pregresse dinamiche familiari. Tuttavia la Cassazione, non ha svolto alcuna indagine per accertare se il sopravvenuto venir meno dello squilibrio economico-patrimoniale tra gli ex coniugi abbia inciso sulla finalità dell’assegno divorzile. Pertanto la vicenda è stata rinviata per nuovo esame.

Open chat

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi