Avvocato Simone Labonia - Cassazionista |    via F. Gaeta, 7 84129 - Salerno (SA) | C.f. LBNSMN73D01F839T | P. Iva 03438870655

Chi mette il cane in catena lasciandolo morire di stenti rischia oltre un anno e mezzo di reclusione e oltre 15 mila euro di multa.

Lo ha stabilito la terza sezione penale della Cassazione nella sentenza 997/2022 depositata il 7 settembre 2022. I Supremi Giudici hanno infatti respinto il ricorso dell’uomo che aveva lasciato morire l’animale dopo avergli procurato sofferenze. Infatti l’art. 544 ter c.p. dice che “che chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona una
lesione ad un animale ovvero lo sottopone a sevizie o a
comportamenti o a fatiche o a lavori insopportabili per le sue
caratteristiche etologiche è punito con la reclusione da tre mesi a un anno o con la multa da 3.000 a 15.000 euro”. Nessuna attenuante è stata quindi riconosciuta all’uomo e la morte del povero animale fa aumentare la pena della metà.

Open chat