Avvocato Simone Labonia - Cassazionista |    via F. Gaeta, 7 84129 - Salerno (SA) | C.f. LBNSMN73D01F839T | P. Iva 03438870655

Chi sacrifica le proprie aspettative professionali per marito e famiglia ha diritto all’assegno per intero.

Lo ha stabilito la Corte di Cassazione che, con l’ordinanza n. 3852 del 15 febbraio 2021, ha accolto il ricorso di una donna che si era vista dimezzare il contributo perché ritenuta ancora giovane ed abile al lavoro. I Supremi Giudici quindi, hanno ribaltato il verdetto, in quanto la Corte d’Appello non ha tenuto conto delle eventuali aspettative professionali dalla stessa sacrificate, per aver ella, cessato, ogni attività lavorativa in costanza di matrimonio. Quindi, secondo la Corte, la donna ha pienamente diritto ad un assegno di divorzio, intero, senza alcuna decurtazione, perché la stessa, ha sacrificato le proprie aspettative professionali per la famiglia e per favorire la carriera del marito. D’altronde, il riconoscimento del contributo è volto consentire al coniuge richiedente, non il conseguimento dell’autosufficienza economica sulla base di un parametro astratto, bensì, il raggiungimento di un livello reddituale adeguato al contributo fornito alla realizzazione della vita familiare, tenendo conto delle aspettative professionali sacrificate.

Open chat

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi