Avvocato Simone Labonia - Cassazionista |    via F. Gaeta, 7 84129 - Salerno (SA) | C.f. LBNSMN73D01F839T | P. Iva 03438870655

Commercialista sbaglia la contabilità: più tempo al cliente per il risarcimento danni.

La Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 8872 del 31 marzo 2021, accogliendo il ricorso di una piccola società che aveva ricevuto un pvc per errori fatti in contabilità dal suo consulente, ha sancito che il termine di prescrizione decennale per chiedere i danni al commercialista che sbaglia la contabilità non decorre dalla notifica del verbale di constatazione ma dell’effettivo prodursi del pregiudizio. Il cliente ha quindi più tempo per incassare l’eventuale ristoro. Nei casi che la legge definisce «di speciale difficoltà» il professionista risponde dei danni solo in caso di dolo o di colpa grave; altrimenti risponde anche per negligenza, imprudenza o imperizia e, dunque, per colpa lieve, quando con le sue condotte attive oppure omissive compromette o aggrava la posizione del proprio assistito nei confronti dell’Erario. La ricezione del verbale non è stata considerata ancora un danno e, dunque, la prescrizione non può decorrere da quel momento. Infatti, si tratta di un atto meramente interno e per questo non impugnabile, il quale non incide né sul patrimonio né su altra situazione giuridica del contribuente.

Open chat

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi