Avvocato Simone Labonia - Cassazionista |    via F. Gaeta, 7 84129 - Salerno (SA) | C.f. LBNSMN73D01F839T | P. Iva 03438870655

COVID-19: è possibile negare i domiciliari al detenuto con problemi polmonari e disturbi dell’umore?

La seconda sezione penale della Corte di Cassazione con sentenza 7836/2021 pubblicata il 26 febbraio, accogliendo il ricorso di un detenuto contro le conclusioni del sostituto procuratore generale, ha sancito che in tempi di pandemia è possibile negare i domiciliari al recluso che soffre di insufficienza respiratoria e deflessione dell’umore. E’ escluso che si possa negare la sostituzione della misura cautelare carceraria senza una valutazione oggettiva dello stato di salute del recluso, essendo, la contemporanea presenza di più patologie particolarmente insidiosa per l’esposizione del ristretto al contagio da Covid-19. Lo stato di salute deve necessariamente essere compatibile con quello di detenzione, in virtù di un’attenta comparazione con la consulenza tecnica della difesa. Pertanto, il recluso è a rischio se i disturbi non sono adeguatamente trattati e, diversamente, potrebbe essere in pericolo di vita causa Coronavirus.

Open chat

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi