Avvocato Simone Labonia - Cassazionista |    via F. Gaeta, 7 84129 - Salerno (SA) | C.f. LBNSMN73D01F839T | P. Iva 03438870655

E’ infondato invocare l’interesse morale del figlio quale ragione per ottenere la riduzione dell’ammontare dell’assegno di mantenimento.

Lo ha stabilito la prima sezione civile della Cassazione nell’ordinanza 2020/21 del 28 gennaio, con la quale è stato respinto sul punto il ricorso di un uomo. La Suprema Corte infatti, ha chiarito che, il genitore divorziato, non può invocare l’esistenza di un interesse morale al fine di ridurre l’importo dell’assegno di mantenimento versato al figlio maggiorenne, ritenuto diseducativo perché sovrastimato rispetto alle reali esigenze del figlio e dannoso perché, a detta del genitore, sarebbe stato incapace di adeguarsi ad un diverso tenore di vita quando avrebbe trovato un lavoro che, probabilmente, non gli avrebbe garantito simili cifre. La Corte ha chiarito che il ricorrente può solo proporre un utilizzo alternativo della somma considerata giusta dal giudice nel suo ammontare.

Open chat

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi