Avvocato Simone Labonia - Cassazionista |    via F. Gaeta, 7 84129 - Salerno (SA) | C.f. LBNSMN73D01F839T | P. Iva 03438870655

Falsa timbratura : licenziato il capo.

Lo ha stabilito il giudice del lavoro del Tribunale di Frosinone nella sentenza 395/21, pubblicata il 14 maggio. Nel caso di specie, un lavoratore ha confermato di aver timbrato il cartellino del capo assente ed inoltre pesano le dichiarazioni fatte in quanto, affinché l’operaio timbrasse al suo posto il capo, ha sottolineato che essendo di livello superiore poteva decidere autonomamente che il lavoratore lo facesse per suo conto. Perciò, risulta legittimo il licenziamento fatto nei confronti del capo che si fa strisciare il badge dal sottoposto per far figurare che è in servizio ed invece è intento a fare i fatti propri. Difatti, non soltanto egli ruba letteralmente lo stipendio all’azienda per cui lavora, ma aggrava la sua posizione perché lo fa timbrare da un suo sottoposto e dunque abusa palesemente della sua posizione gerarchica. Non viene ritenuto quindi vendicativo il licenziamento effettuato, poiché giustificato dalle condotte sopraindicate dell’incolpato; la giusta causa è legittima nonostante le tensioni in azienda a causa della relazione dell’incolpato con una collega, relazione che ha determinato la rottura del rapporto fra la donna e il responsabile dell’azienda.

Open chat

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi