Avvocato Simone Labonia - Cassazionista |    via F. Gaeta, 7 84129 - Salerno (SA) | C.f. LBNSMN73D01F839T | P. Iva 03438870655

Figlio non riconosciuto dal padre: costretto al risarcimento dei danni.

In questo caso il giudice ha sbagliato a negare il pregiudizio patrimoniale non ammettendo alcun legame tra la paternità rifiutata e la patologia del richiedente. È quanto emerge dall’ordinanza 9255/21, pubblicata dalla terza sezione civile della Cassazione. E’ stato accolto il ricorso del figlio il quale lamenta di avere un disturbo bipolare a causa della denegata paternità. I giudici del merito nell’escludere il collegamento tra il disturbo schizoaffettivo con il rifiuto dal padre, cessano col negare anche il danno patrimoniale oltre che il pregiudizio alla salute. L’errore dei giudici sta nel non collegare al petitum la circostanza della denegata paternità, secondo lo specifico riflesso patrimoniale indicato: manca quindi la pronuncia sulla causa petendi.

Il figlio ha ricevuto, comunque, gli assegni di mille euro e 133 mila per danno esistenziale. Pertanto, l’istanza è rinviata al giudice.

Open chat

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi