Avvocato Simone Labonia - Cassazionista |    via F. Gaeta, 7 84129 - Salerno (SA) | C.f. LBNSMN73D01F839T | P. Iva 03438870655

I versamenti che non hanno una corrispondente voce nella dichiarazione dei redditi, si considerano in nero.

Condannato per evasione fiscale il contribuente che fa versamenti in banca senza valide giustificazioni. E’ quanto sancisce la Cassazione con la sentenza n. 15313.

Quando il contribuente fa un versamento: o deve dichiarare la somma all’Agenzia delle Entrate oppure si fornisce di prova che tale somma non deve essere tassata perché esente o perché già tassata alla fonte.

I controlli bancari possono avvenire senza bisogno di una previa informazione al contribuente che, pertanto, si troverà raggiunto da un avviso di accertamento senza aver potuto prima giustificare la propria posizione. Pertanto, la Corte d’Appello ha considerato esaurienti i controlli avvenuti da parte della Guardia di Finanza il quale, ha tenuto conto solo degli importi risultanti dalle fatture attive acquisite dai cessionari dei beni che trovavano corrispondenza nei movimenti bancari annotati sul conto corrente dell’imputato.

Open chat

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi