Avvocato Simone Labonia - Cassazionista |    via F. Gaeta, 7 84129 - Salerno (SA) | C.f. LBNSMN73D01F839T | P. Iva 03438870655

Il contribuente deve conservare la contabilità per almeno 10 anni, se è già stato avviato l’accertamento.

Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 9794 del 14 aprile 2021, con la quale è stato respinto il ricorso di una società per azioni alla quale era stata contestata una indebita compensazione di imposta. I Supremi Giudici hanno stabilito infatti che, la contabilità deve essere conservata dal contribuente oltre dieci anni se il fisco dimostra che la procedura di accertamento era già stata avviata. L’art. 22, comma 2 del d.P.R. n. 600 del 1973, prevede infatti proprio questo, ovvero che “le scritture contabili obbligatorie i sensi del presente decreto, di altre leggi tributarie o di leggi speciali devono essere conservate sino quando non siano definiti gli accertamenti relativi al corrispondente periodo d’imposta, anche oltre il termine stabilito dall’art. 2220 o da altre leggi tributarie”. Lo stesso articolo 2220 infatti prevede un’ultrattività dell’obbligo di conservazione, ma esclusivamente a condizione che, nei dieci anni stabiliti dallo stesso, sia avvenuto legittimamente l’inizio dell’accertamento.

Open chat

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi