Avvocato Simone Labonia - Cassazionista |    via F. Gaeta, 7 84129 - Salerno (SA) | C.f. LBNSMN73D01F839T | P. Iva 03438870655

Il lavoratore che lamenta di aver subito il licenziamento orale deve fornire la prova di quanto avvenuto.

Lo ha sancito la Corte di Cassazione che, con la sentenza n. 149 dell’8 gennaio 2021, ha respinto il ricorso incidentale di un impiegato che lamentava le modalità di licenziamento adottate dalla ONLUS. La Suprema Corte ha spiegato infatti che, la prova, in tema di licenziamento orale, è a carico del lavoratore. Dunque, la cessazione definitiva nell’esecuzione delle prestazioni derivanti dal rapporto di lavoro non è di per sé sola idonea, a fornire la prova del licenziamento, in quanto essa, può costituire l’effetto sia di dimissioni, sia di risoluzione consensuale, sia di licenziamento.

Open chat

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi