Avvocato Simone Labonia - Cassazionista |    via F. Gaeta, 7 84129 - Salerno (SA) | C.f. LBNSMN73D01F839T | P. Iva 03438870655

IL TRASFERIMENTO DEL LAVORATORE NON NECESSITA DI ALCUNA MOTIVAZIONE.

La sezione lavoro della Corte di Cassazione con ordinanza 19143/21 ha sancito che il datore che trasferisce il dipendente per ragioni produttive non è tenuto a fornire alcuna spiegazione in quanto, è sufficiente la comunicazione verbale; nel caso in cui il lavoratore contesta la legittimità, il datore dovrà fornire prova scritta delle ragioni del trasferimento. Nel caso in esame, erroneamente, veniva riformata in Appello la decisione del tribunale, accogliendo la domanda del dipendente che sosteneva l’illegittimità del trasferimento e lamentandone la non chiara e trasparente conoscenza della situazione. L’errore era da rinvenirsi nel ritenere l’insussistenza delle ragioni tecniche poste alla base del trasferimento, mentre l’illegittimità è da ricavarsi dalle violazioni ex lege 223/91. Inoltre, il giudice non può entrare nel merito della scelta dell’imprenditore ma deve accertare la causalità tra il trasferimento e le ragioni dello stesso; pertanto, laddove è possibile l’imprenditore dovrà scegliere l’ipotesi più favorevole per il lavoratore soprattutto se sussistono motivi che impediscono il trasferimento.

Open chat

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi