Avvocato Simone Labonia - Cassazionista |    via F. Gaeta, 7 84129 - Salerno (SA) | C.f. LBNSMN73D01F839T | P. Iva 03438870655

In caso di cessazione della convivenza gli abusi commessi integrano gli atti persecutori.

La sesta sezione penale della Corte di Cassazione con sentenza 39532/21 ha sancito che, non è più applicabile la disciplina dei maltrattamenti ma quella degli atti persecutori ex art. 612 bis comma 2 c.p. se, la condotta illecita è posta in essere dopo la cessazione del rapporto di comunanza di vita. Nel caso di specie, l’imputato proponeva ricorso sostenendo che le condotte erano state poste in essere subito dopo la cessazione della convivenza e, perdurando il vincolo di solidarietà, si configurava il reato di maltrattamenti, con elisione della pena applicata in aumento. La Corte di Cassazione, il ricorso è infondato in quanto, deve escludersi l’applicazione dell’art. 572 c.p., trattandosi di condotte aggressive e violente realizzate contro la ex in seguito alla cessazione del rapporto di affidamento e comunanza di vita ed affetto.

Open chat

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi