Avvocato Simone Labonia - Cassazionista |    via F. Gaeta, 7 84129 - Salerno (SA) | C.f. LBNSMN73D01F839T | P. Iva 03438870655

In caso di mancata informazione il paziente che non ha prestato il consenso può essere risarcito.

È quanto emerge dall’ordinanza 12593/21, pubblicata dalla terza sezione civile della Cassazione. La Cassazione si sofferma sulle conseguenze di un mancato consenso informato del paziente, ribadendo la necessità che quest’ultimo, dimostri che si sarebbe sottratto all’intervento laddove il medico avesse adempiuto al proprio obbligo.

Nonostante l’intervento fosse stato eseguito correttamente, aveva prodotto comunque conseguenze dannose al paziente, il quale pretendeva di essere risarcito. Per la Cassazione, però, il verificarsi di conseguenze dannose e l’omessa informazione circa i rischi dell’operazione non bastano a rendere fondate le richieste di risarcimento. Pertanto, il medico può essere chiamato a risarcire il danno alla salute solo se il paziente dimostri, anche tramite presunzioni, che, se compiutamente informato, avrebbe verosimilmente rifiutato l’intervento.

Open chat

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi