Avvocato Simone Labonia - Cassazionista |    via F. Gaeta, 7 84129 - Salerno (SA) | C.f. LBNSMN73D01F839T | P. Iva 03438870655

IN CASO DI SEPARAZIONE LA CASA CONIUGALE SPETTA AL CONIUGE CONVIVENTE CON IL FIGLIO PIU’ DEBOLE.

La Corte di Cassazione con ordinanza 19561/21 , respingendo il ricorso di una madre, ha sancito che l’assegnazione della casa familiare spetta al genitore convivente con il figlio più fragile, essendo irrilevante l’autosufficienza economica. Nel caso in esame, il figlio era stato in passato spettatore di svariati conflitti tra i genitori e, pertanto aveva deciso di vivere con il padre, mentre la sorella si era rifiutata a causa del coinvolgimento di quest’ultimo in un’indagine di natura sessuale. Secondo la Cassazione, è più vantaggioso assegnare la casa familiare al padre convivente con il figlio psicologicamente più provato, con il quale aveva volontariamente espresso la volontà di abitare.

Open chat

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi