Avvocato Simone Labonia - Cassazionista |    via F. Gaeta, 7 84129 - Salerno (SA) | C.f. LBNSMN73D01F839T | P. Iva 03438870655

Intercettazioni per reato di corruzione: utilizzabili anche se l’imputazione provvisoria cambia in abuso d’ufficio.

Lo ha stabilito la sesta sezione penale della Cassazione con la sentenza 23244/21, pubblicata il 14 giugno. I Supremi Giudici infatti, hanno evidenziato che le intercettazioni autorizzate per indagare sul reato di corruzione sono utilizzabili anche nel caso in cui l’imputazione provvisoria cambi in abuso d’ufficio, a condizione però che i fatti relativi alla seconda fattispecie siano equivalenti a quelli per i quali il giudice autorizzò le intercettazioni. Diversamente, le stesse devono essere escluse dalle indagini. Dunque, se successivamente, la qualificazione giuridica del reato autorizzato (per le intercettazioni) cambia in un diverso reato non autorizzabile, le intercettazioni non possono essere utilizzate, se già al momento in cui l’autorizzazione si è perfezionata, i presupposti per disporre il mezzo di ricerca della prova erano assenti.

Open chat

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi