Avvocato Simone Labonia - Cassazionista |    via F. Gaeta, 7 84129 - Salerno (SA) | C.f. LBNSMN73D01F839T | P. Iva 03438870655

La sentenza di condanna su corrispettivi Iva sconta l’imposta di registro.

Lo ha sancito la Corte di Cassazione che, con l’ordinanza n. 242 del 12 gennaio 2021, ha accolto il ricorso di una banca. La Suprema Corte infatti, ha stabilito che restano assoggettate all’imposta di registro, in misura proporzionale, solo le operazioni che non sono soggette ad Iva per carenza del requisito oggettivo (artt. 2 e 3) e soggettivo (artt. 4 e 5) previsti dal D.P.R. n. 633 del 1972.Ciò in virtù del divieto della doppia imposizione che ricorre quando, uno stesso soggetto è destinatario di più imposte relative al medesimo presupposto, divieto che risulta essere un’esplicazione del principio costituzionale della capacità contributiva.

Open chat

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi