Avvocato Simone Labonia - Cassazionista |    via F. Gaeta, 7 84129 - Salerno (SA) | C.f. LBNSMN73D01F839T | P. Iva 03438870655

Lavoratore in malattia: no al licenziamento se depresso ed esce per divertirsi.

Non può essere licenziato il lavoratore che, durante un periodo di malattia per depressione, esce di casa e viene sorpreso in momenti ludici e di svago, seguendo le prescrizioni del medico curante. Lo sancisce la sentenza n. 9647, che ha respinto il ricorso dell’azienda di Napoli che aveva fatto pedinare e aveva poi licenziato un dipendente affetto da depressione. La depressione era stata certificata da una consulenza quindi nessun dubbio è sorto in merito alla veridicità dello stato di salute. Per i giudici, tale patologia non era in contrasto con attività di svago.

E’, però, obbligo del dipendente fare il possibile per accelerare la guarigione e il più rapido rientro sul lavoro. Il lavoratore che venga pertanto sorpreso in compiti che potrebbero allungare i tempi di permanenza a casa viola l’obbligo di fedeltà all’azienda e potrebbe essere licenziato per giusta causa.

Dunque, il dipendente assente per malattia psicologica certificata dal medico può certamente uscire di casa, anzi è addirittura consigliabile. Pertanto, la società dovrà risarcire l’ex dipendente con una indennità pari a dodici mensilità.

Open chat

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi