Avvocato Simone Labonia - Cassazionista |    via F. Gaeta, 7 84129 - Salerno (SA) | C.f. LBNSMN73D01F839T | P. Iva 03438870655

L’AVVOCATO CHE CITA IN GIUDIZIO IL CLIENTE PER OTTENERE IL COMPENSO PUO’ PRESENTARE I DOCUMENTI SUI QUALI FONDA LA PRETESA DOPO IL RICORSO.

Lo ha stabilito la sesta sezione civile della Cassazione nell’ordinanza pubblicata il 7 gennaio.

Nella stessa si evince infatti che, l’avvocato che cita in giudizio il cliente che non l’ha pagato può depositare i documenti ad hoc sui quali fonda la pretesa anche non contestualmente al deposito della domanda, quindi anche dopo il primo atto difensivo e fino all’ordinanza ex art. 702 ter c.p.c. eventualmente pronunciata dal magistrato, a patto che indichi, nell’atto introduttivo del giudizio, i mezzi di prova dei quali intende avvalersi. Ciò risulta legittimo perché, la domanda, risulta soggetta al procedimento sommario ex art. 702 bis c.p.c. che, non prevede alcuna preclusione istruttoria né alcuna sanzione processuale in caso di incompleta o omessa allegazione dei documenti del ricorso.

Open chat

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi