Avvocato Simone Labonia - Cassazionista |    via F. Gaeta, 7 84129 - Salerno (SA) | C.f. LBNSMN73D01F839T | P. Iva 03438870655

Nessun assegno divorzile se lui è benestante e l’ex moglie non lavora.

Lo ha sancito la sesta sezione civile della Corte di Cassazione con ordinanza n.452/2020 del 21 ottobre 2020 pubblicata il 13 gennaio 2021, secondo cui laddove l’ex moglie non lavora perché non ha alcuna voglia, l’assegno di mantenimento può non essere corrisposto dall’ex coniuge e ciò, anche se il gap reddituale tra i due è rilevante. Non si può, dunque, riconoscere alla donna il diritto a ricevere un contributo economico per il solo fatto che l’ex consorte è ricco di famiglia, essendo necessario, invece, verificare il contributo da lei fornito in ambito familiare, considerando, a prescindere dal divario patrimoniale, che non vi è stata alcuna rinuncia ad incarichi professionali o prospettive di carriera, ma semplicemente un’inerzia colpevole nel recepire un’occupazione.

Open chat

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi