Avvocato Simone Labonia - Cassazionista |    via F. Gaeta, 7 84129 - Salerno (SA) | C.f. LBNSMN73D01F839T | P. Iva 03438870655

Nessuna responsabilità per il medico se non si accerta che in mancanza di diagnosi errata il paziente avrebbe vissuto.

La quarta sezione penale della Corte di Cassazione con sentenza 4063/2021 pubblicata il 3 febbraio che, accogliendo il ricorso di un radiologo che non è stato in grado di interpretare la TAC di un paziente, ha sancito l’insufficienza del mero errore per condannare il medico, successivamente alla morte del paziente, per omicidio colposo; è necessario, invece, accertare se l’evento lesivo si sarebbe potuto evitare o, quantomeno, ritardare in caso di corretta attività del medico. Il giudice, dovrà verificare il nesso causale tra condotta ed evento, nonché il giudizio controfattuale. Pertanto, sarà necessario accertare se, il caso è regolato da linee guida e poi, in seguito, stabilire il grado di colpevolezza, distinguendo tra imprudenza, negligenza ed imperizia.

Open chat

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi