Avvocato Simone Labonia - Cassazionista |    via F. Gaeta, 7 84129 - Salerno (SA) | C.f. LBNSMN73D01F839T | P. Iva 03438870655

Niente restituzione del denaro usato per ristrutturare la casa in comunione.

Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 19799 del 12 luglio. Nel caso di specie un uomo aveva fatto ricorso per ottenere dalla ex moglie la restituzione dei 150 mila euro utilizzati per la ristrutturazione della casa che, durante i lavori, risultava essere in comunione. L’uomo sosteneva che il denaro utilizzato proveniva dal suo reddito personale e perciò a detta dello stesso doveva essere restituito. Il ricorso è stato respinto perché, a detta dei Supremi Giudici, in questo caso trova applicazione l’art. 179 c.c., in base al quale i beni acquistati dai coniugi cadono in comunione e perciò in sede di divisione vanno ripartiti in parti uguali, e ciò risulta vero anche nel caso in cui l’acquisto sia stato effettuato con denaro proveniente dal patrimonio personale di uno dei due coniugi. Dunque deve escludersi che possa essere concessa la restituzione o il rimborso ex art. 192 c.c. delle somme.

Open chat

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi