Avvocato Simone Labonia - Cassazionista |    via F. Gaeta, 7 84129 - Salerno (SA) | C.f. LBNSMN73D01F839T | P. Iva 03438870655

NO AI DOMICILIARI PER LO SPACCIATORE CON FIGLIO MINORE E MOGLIE IN CARCERE.

La terza sezione penale della Corte di Cassazione con sentenza 28441/21 ha negato la sostituzione della pena detentiva con la misura alternativa degli arresti domiciliari, per lo spacciatore che ha un figlio minore e la moglie in carcere in quanto, vi è la familiarità con i reati più gravi nonché l’inclinazione alla recidività. Nel caso in esame, veniva respinto il ricorso di un cittadino nigeriano, che richiedeva gli arresti domiciliari, ovvero l’applicazione di una misura meno grave, nonché l’applicazione dell’art. 275 quarto comma c.p.p. perché padre di un figlio minore con madre in carcere. Secondo la Cassazione, il ricorso è inammissibile perché l’applicazione della misura meno afflittiva non consentirebbe un giusto controllo, essendo concreta la pericolosità e l’inclinazione a delinquere nei reati di spaccio di stupefacenti.

Open chat

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi