Avvocato Simone Labonia - Cassazionista |    via F. Gaeta, 7 84129 - Salerno (SA) | C.f. LBNSMN73D01F839T | P. Iva 03438870655

NON HA DIRITTO AL MANETIMENTO LA EX CHE NON RIPRENDE A LAVORARE PER DEDICARSI AI FIGLI.

E’ quanto stabilito dalla Corte di Cassazione con ordinanza 20866/21. Nel caso in esame, è stato respinto il ricorso di una donna che lasciava il posto di lavoro dopo la nascita della figlia, non attivandosi, in seguito, per cercare una nuova occupazione. L’assegno di mantenimento per mancanza di redditi propri è sancito dall’art. 156 c.c. ed è espressione di un principio solidaristico e materiale, non estendibile alle ipotesi in cui si è in grado di provvedere da soli a se stessi. Pertanto, il coniuge richiedente l’assegno mensile, dovrà dimostrare di essersi attivato inutilmente per procurarsi un lavoro per far fruttare le sue competenze professionali.

Open chat

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi