Avvocato Simone Labonia - Cassazionista |    via F. Gaeta, 7 84129 - Salerno (SA) | C.f. LBNSMN73D01F839T | P. Iva 03438870655

Parcheggio gratuito: il gestore rifiuta di pagare i danni all’auto.

Nel caso di un incidente in un parcheggio privato, sia esso custodito o meno, se l’area è circoscritta da transenne o cancelli, allora non c’è copertura assicurativa e a risarcire il danno sarà il conducente responsabile; viceversa, se non vi sono delimitazioni, allora l’eventuale incidente è coperto dalla polizza rc-auto.

Con il contratto di locazione sussiste la mancanza dell’obbligo di custodia e di responsabilità a carico del proprietario dell’area. Lo sancisce la sesta sezione civile della Cassazione con l’ordinanza 9883/21.

Nel caso di un parcheggio privato non a pagamento, il gestore del parcheggio gratuito non paga i danni subiti dall’auto mentre era parcheggiata perché tra le parti si instaura una locazione e non un deposito: con il contratto di locazione sussiste la mancanza dell’obbligo di custodia e di responsabilità a carico del proprietario dell’area. Pertanto, l’obbligo di custodia non è escluso a priori, ma può dirsi ricorrente solo se risulti che l’utente abbia inteso ex professo assicurarsi la conservazione del bene: ad esempio, nel caso di parcheggio oneroso, prevedendo un corrispettivo più elevato. Respinto il ricorso.

Open chat

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi