Avvocato Simone Labonia - Cassazionista |    via F. Gaeta, 7 84129 - Salerno (SA) | C.f. LBNSMN73D01F839T | P. Iva 03438870655

Pena detentiva per la maestra che denigra l’alunno incitando gli altri allievi a maltrattarlo.

La Corte di Cassazione con sentenza 8035/2021, dichiarando inammissibile il ricorso di una maestra condannata in appello alla pena detentiva per abuso di mezzi di correzione ex art. 571 comma 1 c.p., ha sancito che scatta la reclusione quando mette in atto maltrattamenti psichici e fisici ai danni dell’allievo. Non vi è alcuno sconto per l’imputata che integra il reato di abuso di mezzi di disciplina, umiliando, denigrando e maltrattando psicologicamente un alunno e, mettendo in serio pericolo la sua salute. Il potere educativo dell’insegnante è ammesso soltanto se posto in essere con mezzi congrui alla gravità del comportamento dell’alunno, senza ledere l’altrui personalità e senza istigare altri allievi a maltrattarlo. Pertanto, se vi è prova dei segni di violenza subite e della sintomatologia soggettiva evidenziata dal minore è confermata la pena detentiva, escludendo la possibilità di invocare la sostituzione con la pena pecuniaria.

Open chat

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi