Avvocato Simone Labonia - Cassazionista |    via F. Gaeta, 7 84129 - Salerno (SA) | C.f. LBNSMN73D01F839T | P. Iva 03438870655

Respinto il sequestro per evasione Irpef se prova di non aver detratto i costi fittizi dal reddito.

Sequestro preventivo per evasione Irpef ai soci della società in nome collettivo indagati per l’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti. Infatti i costi fittizi indicati nei documenti contabili, non rilevano ai fini Iva e Irap: è la snc a presentare le dichiarazioni ai fini delle imposte sui redditi mentre il pagamento spetta ai singoli soci.

Da quanto emerge nella sentenza 6163/21, pubblicata il 17 febbraio dalla terza sezione penale della Cassazione, la misura cautelare arriva solo se si dimostra che i costi tarocchi non sono stati detratti dall’Irpef dovuta nelle dichiarazioni dei soci. Respinto il ricorso dei due soci al 50 per cento nella snc: confermato il sequestro minore Irpef dichiarata, cioè il risparmio d’imposta.
Siccome si presume che i redditi della snc si riversino automaticamente sui singoli soci il sequestro è illegittimo solo se le persone fisiche non hanno sottratto i costi finti delle operazioni inesistenti.

Open chat

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi