Avvocato Simone Labonia - Cassazionista |    via F. Gaeta, 7 84129 - Salerno (SA) | C.f. LBNSMN73D01F839T | P. Iva 03438870655

Riconoscimento di paternità: esclusa la necessità di ascoltare il minore.

Lo ha sancito la prima sezione civile della Cassazione con l’ordinanza 16547/21 pubblicata l’11 giugno. Nel caso di specie, la Corte d’Appello aveva dichiarato che il minore non era figlio biologico del padre morto ad un anno dalla nascita dello stesso. Perciò, sulla base delle perizie effettuate, ha dichiarato nullo o inefficace il riconoscimento di paternità. Di contro, la madre, ha sostenuto che i giudici avrebbero dovuto ascoltare il figlio minorenne poiché la sua audizione, sarebbe stata di fondamentale importanza per la valutazione del suo interesse all’impugnazione del riconoscimento. I Supremi Giudici però, hanno confermato la decisione dei giudici di merito, chiarendo che l’ascolto del minore sarebbe stato superfluo in quanto il ragazzo non avrebbe potuto riferire nessuna circostanza effettivamente importante, dato che il padre era venuto a mancare solo dopo un anno dalla sua nascita. Infatti, proprio per questo, i due non hanno mai potuto stabilire una relazione affettiva duratura, e il ragazzo dunque non avrebbe potuto riferire ai giudici nulla di rilevante. D’altro canto l’art. 336 bis c.c. prevede che, se l’ascolto del minore è in contrasto con l’interesse dello stesso, il giudice può non provvedere all’audizione dello stesso.

Open chat

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi