Avvocato Simone Labonia - Cassazionista |    via F. Gaeta, 7 84129 - Salerno (SA) | C.f. LBNSMN73D01F839T | P. Iva 03438870655

RIDUZIONE DEL MANTENIMENTO AL FIGLIO MAGGIORENNE CHE HA PERSO IL LAVORO A CAUSA DEL COVID-19.

Il Tribunale di Torino con sentenza 1657/21 pubblicata il 7 aprile, respingendo la richiesta dell’onerato di revoca dell’assegno di mantenimento neo confronti della figlia che ha lasciato l’università, ha sancito che resta, ma si riduce, il mantenimento alla figlia ventiduenne che ha perso il lavoro a causa della pandemia, rappresentando solo l’inizio dell’emancipazione economica. E’ da escludere che la ragazza abbia raggiunto una completa indipendenza economica oppure versi in una condizione di colpevole inerzia, giacché ha lavorato per più di un anno come addetta alle vendita in uno store, senza vedersi rinnovare il contratto a tempo indeterminato dopo la cassa integrazione. Pertanto, al spetta continuare a pagare seppur in maniera ridotta in quanto, la ragazza possiede il diploma di maturità e l’impiego di sale assistant perduto va considerato come esperienza lavorativa iniziale e temporanea che conduce all’indipendenza economica.

Open chat

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi