Avvocato Simone Labonia - Cassazionista |    via F. Gaeta, 7 84129 - Salerno (SA) | C.f. LBNSMN73D01F839T | P. Iva 03438870655

Riforma Madia: licenziato anche se ormai in pensione.

Qualora il dipendente sia stato sospeso in via cautelare in attesa della definizione del procedimento penale a suo carico, l’amministrazione è tenuta a riattivare l’iniziativa disciplinare nei confronti del lavoratore. L’estinzione del reato non determina l’automatica archiviazione del procedimento disciplinare, potendo comunque risultare un inadempimento sanzionabile su tale piano. L’interesse all’esercizio dell’azione disciplinare permane anche nel caso in cui il dipendente sia stato collocato in pensione. Conclusioni che si giustificano alla luce del fatto che il datore pubblico è tenuto a intervenire anche per salvaguardare interessi collettivi di rilevanza costituzionale. È quanto emerge dalla sentenza 18944/21, pubblicata il 5 luglio dalla sezione lavoro della Cassazione: rigettando, appunto, il ricorso di ex dipendente pubblico che aveva impugnato il licenziamento per giusta causa. Nella specie il dipendente resta a lungo sospeso dal servizio: il procedimento disciplinare rimane fermo fino alla definizione del processo penale che interviene solo con la sentenza irrevocabile della Suprema corte.

Open chat

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi