Avvocato Simone Labonia - Cassazionista |    via F. Gaeta, 7 84129 - Salerno (SA) | C.f. LBNSMN73D01F839T | P. Iva 03438870655

Scatta il sequestro sull’immobile intestato ai parenti del presunto evasore, nonostante il mutuo per l’acquisto.

Lo ha sancito la Corte di Cassazione con la sentenza n. 16685 del 3 maggio 2021. Nel caso di specie la misura ablativa ha interessato l’ appartamento di un imprenditore che è stato accusato di indebite compensazioni, il quale aveva la disponibilità dell’immobile solo in virtù di comodato gratuito, dato che l’appartamento risultava intestato alla moglie del fratello (cognata). Nonostante ciò i Supremi Giudici hanno confermato la misura, e il ricorso con il quale la difesa ha cercato di far revocare il sequestro, insistendo sul fatto che l’appartamento fosse intestato alla cognata, la quale aveva anche acceso un mutuo per l’acquisto dello stesso, non è servita a molto. Infatti la Corte ha chiarito che, da un lato è vero che l’art. 322 ter c.p. prevede un limite al sequestro nel caso in cui i beni appartengano ad un soggetto estraneo al reato, dall’altro lato è ugualmente vero che la legge assicura al terzo estraneo la possibilità di opporsi al provvedimento ablativo. Perciò, solo il soggetto terzo e non l’indagato, può rivendicare la titolarità del bene che assume essere di sua proprietà.

Open chat

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi