Avvocato Simone Labonia - Cassazionista |    via F. Gaeta, 7 84129 - Salerno (SA) | C.f. LBNSMN73D01F839T | P. Iva 03438870655

Senza disclosure del conflitto d’interessi resta il dovere di abstain dell’intermediario.

Lo ha stabilito la prima sezione civile della Cassazione con la sentenza 20251/21 pubblicata il 15 luglio. Nel caso di specie viene bocciato il ricorso proposto dall’istituto di credito e dall’assicurazione a causa dell’operazione rivelatasi fallimentare. La banca deve risarcire dunque il cliente perché, non ha avvisato lo stesso che la sua posizione risultava essere in conflitto d’interessi rispetto al prodotto finanziario. L’intermediario, spiegano i Supremi Giudici, non può procedere senza aver messo l’investitore nelle condizioni di assumere una decisione informata, quindi risulta necessario che lo stesso presti il suo consenso. Inoltre, siccome i conflitti d’interesse oggi giorno, possono essere presenti in qualunque contrattazione finanziaria, per stare al passo con i cambiamenti che attraversano il mercato finanziario, tale consenso può essere tacito, ovvero prestato per fatti concludenti, il che avviene quando il cliente è al corrente della situazione e non si oppone alla conclusione del negozio, autorizzandolo così tacitamente.

Open chat

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi