Avvocato Simone Labonia - Cassazionista |    via F. Gaeta, 7 84129 - Salerno (SA) | C.f. LBNSMN73D01F839T | P. Iva 03438870655

Stalker incastrato dalle riprese fatte dalla vittima.

Lo ha stabilito la quinta sezione penale della Cassazione che con la sentenza 41020/21, depositata l’11 novembre ha ritenuto prove documentali legittimamente utilizzabili nel processo penale le riprese video girate dalla persona offesa. Nel caso di specie, un uomo era stato condannato dalla Corte d’Appello per il reato di atti persecutori; lo stesso però, facendo ricorso in sede di legittimità aveva contestato il reato, sostenendo che i video registrati non potevano essere utilizzati perché violavano le norme sulla privacy e la disciplina codicistica sulle intercettazioni. I Supremi Giudici hanno ritenuto infondata la pretesa del ricorrente, poiché, le videoregistrazioni, non sono riconducibili alla disciplina delle intercettazioni, come sostenuto dallo stesso, ma sono a detta della Corte, prove documentali legittimamente utilizzabili ex art. 234 c.p.p. Inoltre la violazione della disciplina a tutela della privacy non può costituire uno sbarramento rispetto alle esigenze di accertamento del processo penale.

Open chat

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi