Avvocato Simone Labonia - Cassazionista |    via F. Gaeta, 7 84129 - Salerno (SA) | C.f. LBNSMN73D01F839T | P. Iva 03438870655

Stalking? Basta uno screenshot di WhatsApp per inchiodare lo stalker.

E’ sufficiente lo screenshot di una chat per incastrare uno stalker. La persona vittima di molestie e minacce può far valere le proprie ragioni producendo in giudizio la semplice copia dei messaggi ricevuti, magari avendo cura di stampare l’immagine in modo da depositarla come se fosse un documento qualsiasi. Lo ha sancito la sentenza 17552/21, pubblicata dalla quinta sezione penale della Cassazione.

Gli screenshot di WhatsApp hanno valore di prova solo se non contestati dalla parte processuale contro cui vengono utilizzati. In caso contrario, occorre procedere all’estrazione dei tabulati dallo smartphone mediante apposita perizia tecnica. L’imputato ammette l’autenticità dei messaggi, salvo poi metterla in dubbio nel ricorso per cassazione, per non averne conservata copia nel telefono. Il provvedimento attesta la legittimità del provvedimento con cui il giudice di merito aveva rigettato l’istanza di acquisizione.

Open chat

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi