Avvocato Simone Labonia - Cassazionista |    via F. Gaeta, 7 84129 - Salerno (SA) | C.f. LBNSMN73D01F839T | P. Iva 03438870655

Tag: privacy

Nelle costruzioni in aderenza ammesse luci e non vedute

di segreteria studio legala labonia

Sentenza 1406/2021 TAR Lombardia “L’erba del vicino è sempre più verde” ma, sempre di più, il vicino si vuole tutelare affinché non venga violata la propria privacy, con costruzioni poste in aderenza e tali da poter creare vedute. In questo caso, è stata ritenuta valida la Concessione Edilizia rilasciata dal Comune ed opposta da chi…

No privacy per i progetti del vicino

di segreteria studio legala labonia

Sentenza 136/2022 TAR Lombardia Per una volta il diritto di proprietà batte la privacy. Il Comune aveva fornito al proprietario di un fondo, solo l’autorizzazione a costruire concessa al suo vicino, per l’attuazione di opere al confine delle due proprietà. Dovranno essere esibite anche le relazioni tecniche e le tavole grafiche: considerata senza valore l’opposizione…

GARANTE PRIVACY: nessuna condanna per l’agente investigativo che pedina la ex di un cliente geloso.

di studio

La terza sezione penale della Corte di Cassazione con sentenza 2243/22, in virtù delle modiche apportate al codice pravicy D.L. 196/200 mediante il Regolamento UE 679/2016 (General Data Protection Regulation), ha sancito che, l’agente privato non può essere condannato per violazione della privacy anche se spia la ex moglie di un cliente, addirittura posizionando un…

Stalker incastrato dalle riprese fatte dalla vittima.

di studio

Lo ha stabilito la quinta sezione penale della Cassazione che con la sentenza 41020/21, depositata l’11 novembre ha ritenuto prove documentali legittimamente utilizzabili nel processo penale le riprese video girate dalla persona offesa. Nel caso di specie, un uomo era stato condannato dalla Corte d’Appello per il reato di atti persecutori; lo stesso però, facendo…

Il trasgressore dei dati sensibili può impugnare solo l’ordinanza-ingiunzione.

di studio

Lo ha stabilito la prima sezione civile della Cassazione con l’ordinanza n. 19947/21, pubblicata il 13 luglio. Nel caso di specie, il trattamento illecito dei dati sensibili riguardava un dirigente medico, il quale aveva presentato reclamo al garante della privacy perché nel reparto in cui prestava servizio era stata resa pubblica la comunicazione della sua…