Avvocato Simone Labonia - Cassazionista |    via F. Gaeta, 7 84129 - Salerno (SA) | C.f. LBNSMN73D01F839T | P. Iva 03438870655

Tag: SupremaCorte

Corteggiamento petulante: è reato di molestia e disturbo della persona.

di studio

Corteggiare ossessivamente una donna, ignorando il totale disinteresse da lei manifestato, configura il reato di cui all’articolo 660 c.p. Questo è quanto stabilito dalla Suprema Corte di Cassazione, sezione V penale, con la 7993/21: per integrare tale reato basta l’atteggiamento di invadenza e di intromissione continua nella privacy altrui. Il ricorrente è stato condannato “alla pena…

Licenziamento: la prova del repêchage cade sul datore di lavoro.

di studio

Il lavoratore può anche rifiutarsi di collaborare per dimostrare che, quando è stato licenziato, il repêchage era impossibile o meno: l’onere di provare questa circostanza è in capo all’azienda. Lo ha appena stabilito la Cassazione con la sentenza 6084/21. La Suprema Corte afferma che il datore di lavoro, può tentare di dimostrare anche con dei presupposti che non c’era un altro…

Revocabile la concessione di un mutuo fondiario destinato all’estinzione di debiti pregressi della fallita.

di studio

La Suprema corte con l’ordinanza 4694/21 afferma che la assegnazione di un mutuo fondiario destinato all’estinzione di debiti della fallita nei confronti della banca concedente è revocabile. Se quest’azione revocatoria viene proposta in via di eccezione in sede di ammissione del credito al passivo non si applica il termine di prescrizione. Accolta dal tribunale di…

Tra violazione di domicilio e stalking: via al ricorso.

di studio

La corte di cassazione, con la sentenza 9069/21, ha respinto il ricorso di un 49enne di Venezia.Avviato il ricorso di un uomo che si era difeso sostenendo che l’uscita da casa fosse parte integrante degli atti persecutori. Pertanto l’uomo ha deposto gli atti al Palazzaccio nel tentativo di smontare l’impianto accusatorio ma senza successo. Per…

Non è ammesso mobbing e demansionamento se l’inattività è di breve durata e le mansioni riguardano tutti i dipendenti.

di studio

La Cassazione con l’ordinanza 5473/21 del 26 febbraio ha respinto il ricorso di una donna assunta come commessa giudiziaria: ha chiesto il risarcimento dei danni causati dal demansionamento e mobbing subito sul posto di lavoro. E’ stata rigettata la domanda rilevando che l’impiego della donna per la custodia e il controllo del piano ove erano…

Open chat

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi