Avvocato Simone Labonia - Cassazionista |    via F. Gaeta, 7 84129 - Salerno (SA) | C.f. LBNSMN73D01F839T | P. Iva 03438870655

Vincita in un casinò in altro Paese Ue: non tassabile come “reddito diverso”.

La Corte di Cassazione ha respinto il ricorso presentato dall’Agenzia delle Entrate contro un contribuente a cui veniva contestata l’omessa dichiarazione di un “reddito diverso”. Lo ha stabilito la quinta sezione civile della Cassazione che, con l’ordinanza 13038/21.

Per la Suprema corte il ricorso è infondato. Al riguardo, si legge nell’ordinanza che “l’articolo 67 del T.u.i.r. prevede che l’art. 69 (“premi, vincite e indennità”) dello stesso T.u.i.r., dispone: i premi e le vincite di cui alla lettera d) del comma l dell’art. 81 costituiscono reddito per l’intero ammontare percepito nel periodo di imposta, senza alcuna deduzione.

In relazione al ricorso principale, risulta soccombente l’Agenzia delle Entrate, ammessa alla prenotazione a debito del contributo unificato per essere amministrazione pubblica difesa dall’Avvocatura Generale dello Stato, non si applica l’art. 13 comma 1- quater, d.P.R. 30 maggio n. 115 (Cass. 29/01/2016, n. 1778); la Corte rigetta il ricorso principale e quello incidentale e compensa tra le parti le spese del giudizio di legittimità”.

Open chat

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi