Avvocato Simone Labonia - Cassazionista |    via F. Gaeta, 7 84129 - Salerno (SA) | C.f. LBNSMN73D01F839T | P. Iva 03438870655

Violato il diritto all’autodeterminazione per l’omessa diagnosi del medico.

Lo ha stabilito la terza sezione civile della Cassazione nella sentenza 34813/21 pubblicata il 17 novembre. Nel caso di specie viene accolto il ricorso proposto dai figli di una donna, deceduta a causa di un melanoma maligno che, il dermatologo aveva scambiato per una semplice micosi. Il punto centrale della decisione dei Supremi Giudici è che, se il medico si fosse accorto della malattia, la donna avrebbe potuto vivere il tempo rimasto con coscienza e consapevolezza; ad essere leso dunque, non è solo il bene salute, ma anche il diritto all’autodeterminazione della persona. L’omessa diagnosi ha impedito alla donna di decidere come agire nel tempo rimasto, ad esempio scegliere tra terapie mediche oppure cure palliative, la condotta del medico ha inciso sull’organizzazione della vita della donna in maniera negativa e proprio nell’ultimo tratto dell’esistenza della stessa. L’omissione ha impedito alla paziente di programmare quello che resta della sua vita, peggiorandone la qualità della vita stessa. Ecco perché per la Suprema Corte ha sbagliato la Corte d’Appello a non concedere il risarcimento agli eredi della donna.

Open chat

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi